Versante Sud dell’Etna, Contrada Cantoniera a quota 1.950mt. In questa straordinaria zona nacque la prima costruzione sul vulcano Etna, un piccolo rifugio che prese il nome dalla stessa area, La Cantoniera. I turisti, i ricercatori e gli esploratori, che venivano da tutte le parti del mondo, raggiungevano il paese di Nicolosi “Porta dell’Etna” dove i “Portatori” con muli e asini equipaggiati con scorte alimentari e acqua, percorrendo dei sentieri da loro ben conosciuti, accompagnando i visitatori alle quote sommitali. Dopo ore di cammino raggiungevano La Cantoniera dove si fermavano per un breve riposo, a volte anche pernottavano, per poter poi continuare l’ascensione fino a quota 3.400mt ritrovando uno scenario “dantesco” , il grande vulcano abbracciato da fumi e vapori. Meta e punto di riferimento di tutti gli itinerari per il vulcano, durò ben poco, finché un incendio lo distrusse completamente. Dopo alcuni anni è stato ricostruito prendendo il nome di Cafè Cantoniera e successivamente anche ristorante. Il 28 marzo 1983 un’eruzione che durò 133 giorni distrusse completamente la struttura, sotterrando per sempre anche altri casolari e giganteschi alberi millenari. Dopo due anni, sopra una coltre di lava di oltre 50mt, è già pronta la nuova costruzione dei proprietari Carone e La Rosa.